HomeEventiMetaverse Generation Summit: presentate le nuove opportunità del metaverso per il mondo...

Metaverse Generation Summit: presentate le nuove opportunità del metaverso per il mondo corporate

Dopo una grande fase di hype, in cui il termine metaverso sembrava essere diventato ormai di uso comune in molteplici campi e business, insieme a web3 e criptovalute, quello che sembrava essere diventato il futuro prossimo di internet aveva subito una battuta d’arresto, basti pensare alla caduta a picco delle valutazione degli NFT.

A prendere il suo posto è arrivata l’intelligenza artificiale, con ChatGPT e i suoi similari, strumenti tanto potenti quanto spaventosi, capaci di disegnare un domani dove l’utilità dell’uomo in molti mestieri sembrava essere ormai obsoleta.

È in questo contesto così complesso e sfaccettato, che un visionario e pioniere del digital learning, Vittorio Zingales, CEO di XMetaReal, ha deciso di rimettere ordine e di far tornare a parlare di metaverso in modo concreto, organizzando lo scorso 14 dicembre 2023 a Milano la prima edizione del Metaverse Generation Summit.

“L’hype non ci ha portato bene”, ha ammesso, “il metaverso, l’estensione digitale della realtà fisica, la affianca ma non la sostituisce. È fatta per soddisfare bisogni specifici, non per dare visibilità all’ultimo gadget tecnologico lanciato in ordine cronologico di sviluppo”.

Vittorio Zingales, CEO di XMetaReal

E di esigenze da soddisfare ne sono emerse molte, tra queste la necessità di trovare soluzioni effettive al problema sempre più preoccupante dei milioni di NEET (Not in Education, Employment or Training) in Italia, passando per la carenza di figure femminili nella materie STEM, o ancora l’utilizzo della VR in ambito medico, il rapporto con la Pubblica Amministrazione digitale, il banking, la customer experience e molto altro: la necessità è di trovare in tutti questi risposte concrete, che già esistono ma ancora per lo più sperimentali che utilizzano il metaverso come tool per integrare mondo reale e mondo virtuale in maniera nuova.

Ecco quindi la scelta di organizzare un evento catalizzatore di una rivoluzione digitale, con l’obiettivo di tracciare il futuro del Metaverso nel settore corporate: “L’idea nasce dalla mia passione per l’innovazione e dalla consapevolezza che il Metaverso rappresenta la prossima frontiera del digitale. Con XMetaReal, abbiamo voluto creare un evento che non fosse solo un punto d’incontro per discutere, ma una vera e propria esperienza immersiva, un luogo dove presentare la convergenza tra realtà e tecnologia. Milano è da sempre crocevia di cultura e innovazione, un luogo dove le idee diventano realtà. È la città ideale per ospitare un evento di tale portata, e siamo onorati del patrocinio del Comune di Milano, un segno dell’importanza che il Metaverso sta acquistando nel tessuto socio-economico.” ha dichiarato Zingales.

Tra i 28 relatori, ci sono stati personaggi di spicco del mondo istituzionale, come il senatore Alessio Butti – sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri per l’Innovazione tecnologica e la transizione digitale del Governo italiano – e Layla Pavone, coordinatrice Board Innovazione tecnologica e trasformazione digitale del Comune di Milano; così come imprenditoriale, tra cui Enrico Martines di Hewlett Packard Enterprise, Pietro Lanza di Ibm Italia, e molti altri. 

Non è mancato il mondo della formazione, specialmente universitaria, per cui hanno parlato Andrea Gaggioli – direttore del Centro studi e ricerche di psicologia della comunicazione dell’università Cattolica del Sacro Cuore – e Marco Biasi – professore associato di Diritto del lavoro dell’Università degli Studi di Milano.

“Il metaverso ci offre tante opportunità in molti ambiti, dal marketing all’intrattenimento. Ci permette di creare nuove esperienze che ci coinvolgono attivamente attraverso i nostri corpi digitali, modificano la nostra dimensione sensoriale, ma ci lasciano piena libertà nelle nostre interazioni e nei nostri comportamenti” e aggiunge Zingales: “Il Metaverso non è solo tecnologia, ma un nuovo modo di vivere la cultura e la società. Infatti credo che il Metaverso sia la prossima fase evolutiva di internet come la conosciamo. La terza dimensione e la realtà immersiva aprono possibilità inesplorate per l’interazione sociale, il business e l’espressione creativa. È una frontiera che sta già plasmando il nostro modo di vivere, lavorare e giocare.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Must Read

spot_img