HomeStorie di imprenditoriFabio Barone in Siberia con l’obiettivo di battere la Lamborghini e il...

Fabio Barone in Siberia con l’obiettivo di battere la Lamborghini e il suo record

Ci risiamo, il Barone Rosso e il suo dream team riprovano ad entrare nei Guinness dei Primati cercando di detronizzare l’attuale record del mondo di velocità sul ghiaccio. Il primato è attualmente detenuto dalla Lamborghini Urus con i suoi 298 Km/h.

Nei giorni 1 e 2 marzo, il pilota italiano Fabio Barone, effettuerà il primo test in assoluto sul ghiaccio del lago Baikal nella Siberia Meridionale.

I test saranno propedeutici al fine di saggiare le caratteristiche assolutamente uniche del clima siberiano e del suo ghiaccio.

Il lago Baikal con i suoi oltre 600 km di lunghezza è considerata una delle sette meraviglie della Russia con un paesaggio assolutamente unico al Mondo.

Nei due giorni di test, il pilota italiano utilizzerà delle vetture standard al fine di verificare il lavoro fatto durante l’inverno nel centro addestramento di snow driving italiano a Roccaraso.

Sarà possibile per i colleghi interessati organizzare una diretta esclusiva dalla Siberia direttamente dal campo gara.

Profilo di Fabio Barone

Fabio Barone, classe 1972, è da oltre 20 anni Presidente di “Passione Rossa”, il più importante Club di clienti Ferrari del mondo. Con oltre 800 eventi al suo attivo, Fabio – che ama definirsi un Gentleman Driver – è conosciuto anche come il Barone Rosso. Nel corso degli anni, la sua Passione per la Rossa di Maranello lo ha portato a conquistare tre Speed World Record sulle strade più pericolose del pianeta.

Partendo nel 2015 dalla Transfăgărășan, la strada nazionale della Romania che si snoda nel nord della Transilvania fino alle pendici del castello di Dracula, l’anno successivo alza l’asticella e scala la Tianmen Mountain Road, un vero drago di cemento che con le sue 99 curve passa da 200 a 1300 metri di altezza, collocandosi a pieno titolo fra i percorsi più pericolosi del globo. 

Nel 2018, nuovo primato di velocità fra gli spettacolari Canyon della Valle del Dades, in Marocco. Lo scorso 6 settembre il pilota romano entra a pieno titolo nella leggenda del motorsport internazionale, con un’impresa storica. È infatti il primo uomo al mondo a battere Google Maps su un tragitto di oltre 4400 Km, senza mai oltrepassare i limiti di velocità.

Must Read

spot_img