HomeProfessionisti al topUn italiano tra i 50 direttori marketing più influenti al mondo

Un italiano tra i 50 direttori marketing più influenti al mondo

Non solo CEO e imprenditori illuminati nelle classifiche di Forbes, ma anche i Direttori Marketing, figure sempre più centrali nelle politiche aziendali, capaci di attrarre importantissimi investimenti ma, soprattutto, milioni di nuovi consumatori grazie alle loro idee, che si muovono tra il creativo e lo strategico.

Per realizzare la classifica Forbes, in collaborazione con Sprinklr e LinkedIn, si è interamente basata sui dati, analizzando 11 miliardi di punti dati su 22 indicatori, divisi in tre macro aree: impatto personale sul marchio, prestazioni del marchio e industria e influenza interna.

LORENZO BERTELLI: UN TALENTO ITALIANO IN ASCESA

Tra i 50 selezionati in questa classifica, figura solo un italiano Lorenzo Bertelli, group marketing director e head of corporate Social responsibility di Prada: l’attenzione del brand di lusso verso i temi della sostenibilità e dell’innovazione hanno messo in luce un talento che si era già distinto nel 2022, dove Bertelli figurava al 20° posto della classifica, per arrivare oggi all’11°, a testimonianza di un’ascesa costante del direttore marketing, considerato ormai erede designato alla posizione di ceo del Gruppo.

IL PODIO

Al primo posto della classifica troviamo William White, cmo di Walmart, azienda proprietaria dell’omonima catena di negozi al dettaglio americana, che da sempre cerca di rendere la vita dei clienti migliore e più semplice, permettendo loro di acquistare qualsiasi cosa a prezzi vantaggiosi (come ha recentemente raccontato anche il giornalista esperto di USA Francesco Costa nel suo video dedicato alla storia del colosso americano); una vision che White ha sposato appieno da quando ha iniziato a ricoprire il ruolo nel 2020.

Secondo classificato Marcel Marcondes, group chief marketing officer di Anheuser-Busch InBev, il più grande produttore di birra al mondo dall’aprile del 2022: il suo approccio creativo gli è valso anche la nomination, per ben due volte, al Festival internazionale della creatività Leoni di Cannes come Creative Marketer of the Year.

Chiude il podio una donna Conny Braams, chief digital and commercial officer di Unilever, la società produttrice di beni di consumo titolare di 400 marchi tra i più diffusi nel campo dell’alimentazione, bevande, prodotti per l’igiene e per la casa, di cui Braams ha la totale supervisione e, con essa, la responsabilità globale della trasformazione digitale end-to-end, del marketing e dello sviluppo dei clienti del gigante britannico dei beni di largo consumo.

ATTESA PER IL FUTURO

Come ogni anno, Forbes registra i cambiamenti del mercato e delle persone che ne segnano la storia, a testimonianza di quanto un mondo in costante movimento come quello contemporaneo possa riservare sempre grandi sorprese, dove giganti del mercato di ieri lasciano spazio a giovani innovatori, esperienza e lungimiranza si fondono per nuove strategie che cambieranno e plasmeranno la nostra percezione dei prodotti che ogni giorno acquistiamo.
Chi sarà il prossimo Best Marketer del mondo? In attesa di scoprirlo, leggiamo le storie di tutti i 50 classificati!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Must Read

spot_img