HomeProfessionisti al topiGuzzini illumina il futuro con il suo Lighthinking, il nuovo ambiente di...

iGuzzini illumina il futuro con il suo Lighthinking, il nuovo ambiente di lavoro inclusivo e polifunzionale 

Nel panorama dell’illuminazione architettonica, una nuova era è iniziata con il lancio del “Lighthinking Space” di iGuzzini, un’innovativa area polifunzionale che promette di ridefinire la concezione degli ambienti illuminati.

Quanto è importante, infatti, l’ambiente di lavoro nella costruzione del senso di appartenenza e di inclusione? Per promuovere questi due aspetti fondamentali all’interno di un’azienda, si passa anche dall’idea di trasformare un piano della sede, originariamente riservato agli uffici direzionali ed executive, in un luogo coinvolgente, aperto a tutti i dipendenti, dove domina il concetto di trasparenza.

Questo è il progetto portato avanti da iGuzzini per il terzo piano della sua storica sede di Recanati, progettata nel 1998 da Mario Cucinella, ideato dallo studio Apml Architetti per integrale integra lavoro e socialità offrendo uno spazio a tutta la community aziendale in cui rilassarsi, prendere uno snack, organizzare un meeting.

“Dopo la vendita di iGuzzini Illuminazione nel 2018 al gruppo Fagerhult e dopo la pandemia, abbiamo pensato di trasformare il terzo piano in un luogo fruibile, familiare e democratico. Siamo partiti dal nome, con un doodle nel quale ogni dipendente poteva proporre un’idea ed esprimere una preferenza. Il risultato è uno spazio polifunzionale dove lavorare in team, fare un break con i colleghi, sfogliare una rivista” spiega Cristiano Venturini, ceo di iGuzzini.

Il desiderio di rendere tangibili i valori dell’azienda passa anche da come si è deciso di strutturare il nuovo spazio, diviso in cinque aree tematiche ognuna dedicata a un valore aziendale: apertura, bellezza, innovazione, integrità, umanità, raccontati da pannelli double-face che raffigurano anche 5 grandi maestri del design e dell’architettura con un loro prodotto iconico disegnato per il brand: Gae Aulenti (Cestello), Michele De Lucchi (Venaria), Renzo Piano (Le Perroquet), Gio Ponti (Polsino), Jean Michel Wilmotte (Linealuce).

Il nuovo grande spazio polifunzionale è di 400 mq e può ospitare fino a 50 persone contemporaneamente; si compone di isole incontro con diverse configurazioni tutte dotate di monitor, angoli lounge e conversazione, aula presentazioni, sala meeting con sistema audio-video e lavagna interattiva, kitchenette super attrezzate, zona biblioteca/emeroteca che propone una vasta selezione di pubblicazioni da richiedere anche in prestito che comprendono non solo magazine e volumi di architettura, design, arte, ma anche testi dedicati alla formazione personale, novità di narrativa, romanzi in lingua inglese e libri per bambini.

L’obiettivo è uno solo, ovvero creare un contesto piacevole e accogliente, dove anche la presenza di una sala per il consiglio di amministrazione, completamente vetrata, sottolinea con forza i concetti di apertura e trasparenza che guidano la filosofia aziendale.

“Continuiamo a prendere esempio dal passato che ha reso grande l’Italia, ed è proprio in questa cornice che si collocano il nostro welfare aziendale e le iniziative per il benessere del dipendente. Possiamo stimolare motivazione, passione e amore per il lavoro e per l’azienda, solo quando il dipendente si sente persona all’interno di un habitat professionale che lo rispetta in tutto e per tutto” aggiunge Venturini.

Il Lighthinking Space è uno spazio talmente innovativo, specialmente per il suo contesto territoriale, che lo scorso agosto è stato protagonista delle attenzioni di una casa di produzione cinematografica cercava un ufficio in stile californiano nelle Marche e così iGuzzini si è trovata a ospitare le riprese del film Leopardi & Co, diretto da Federica Biondi, con Whoopi Goldberg, Jeremy Irvine e Denise Tantucci.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Must Read

spot_img